Con il decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011 sono previsti tagli contenuti che riguardano anche le agevolazioni al terzo settore.
Infatti è previsto che i regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale saranno ridotti del 5% per l'anno 2013 e del 20% a decorrere dall'anno 2014.
Solo però in seguito all’approvazione di uno o più decreti attuativi del MEF saranno definite le modalità tecniche per l’attuazione con in rapporto ai singoli regimi interessati.
Tuttavia la disposizione non si applicherà qualora entro il 30.09.2013 saranno adottati provvedimenti legislativi in materia fiscale ed assistenziale aventi ad oggetto il riordino della spesa in materia sociale, nonché la eliminazione o riduzione dei regimi di esenzione, esclusione e favore fiscale che si sovrappongono alle prestazioni assistenziali, tali da determinare effetti positivi, per l'indebitamento netto, in base agli importi stabiliti dalla manovra stessa.
Ricordiamo che tra le misure più importanti che interessano gli enti non commerciali, che saranno oggetto di interventi, vi è il regime 398/1991, l’art. 148 del Tuir, che prevede la decommercializzazione di quote sociali e contributi versati da soci e l’art. 150 del Tuir che prevede l’esclusione da imponibilità Ires delle attività istituzionali e di quelle connesse delle Onlus.
I tagli riguarderanno, inoltre, anche le donazioni ed i benefici fiscali riconosciuti ai donatori, tra i quali la deducibilità delle erogazioni così come previste dalla normativa attualmente vigente.

 
Salva Segnala Stampa Esci Home